SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riportiamo di seguito un comunicato ufficiale con cui la Samb Calcio risponde alle parole avanzate nelle ultime due partite di campionato dagli allenatori Fenucci della Jesina e Clerici del Montegiorgio.
Dopo aver appreso le dichiarazioni rilasciate dall’allenatore della Jesina Calcio Fenucci che fanno seguito a quelle altrettanto pesanti esternate appena una settimana fa dal mister del Montegiorgio Clerici, l’U.S. Sambenedettese si sente in dovere di replicare. Tali dichiarazioni del tutto pretestuose non danno un’immagine pulita della nostra società. Fino a questo momento siamo rimasti in silenzio perché la nostra filosofia è quella di dimostrare con la serietà e l’ospitalità lo stile del nostro club ma evidentemente ogni tanto è anche giusto far sentire la propria voce.
Premettendo che nell’arco di un campionato vantaggi e torti arbitrali subiti in teoria tendono a compensarsi, sino alla dodicesima giornata la squadra che può lamentarsi è proprio la Sambenedettese già nettamente penalizzata contro la Fulgor Maceratese (due rigori non concessi), contro la Cingolana (un rigore negato), ad Urbino e con la Fermana in Coppa. Tornando poi alla gara giocata a Jesi le immagini tv dimostrano la regolarità del gol di Menichini ingiustamente annullato per non parlare poi della testata rifilata dal massaggiatore della Jesina ad un fotografo di San Benedetto intervenuto per placare gli animi a fine gara. Convinti della buona fede dei direttori di gara ci auguriamo di non dover più intervenire su dichiarazione di addetti ai lavori che spesso farebbero meglio a pensare ai problemi dei propri team piuttosto che calunniare le squadre avversarie.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.144 volte, 1 oggi)