ASCOLI PICENO – 1989-2009: esattamente venti anni fa si concludeva, con la caduta del Muro di Berlino, la guerra fredda che aveva diviso l’Europa e si apriva un’altra fase della storia. La mattina del 9 novembre si è svolta al Cinema Piceno di Ascoli la manifestazione organizzata da Provincia e Comune proprio in relazione alla caduta del Muro di Berlino. Il tutto alla presenza con gli studenti che sul palco hanno abbattuto una riproduzione in cartone del celebre muro, simbolo per antonomasia di ogni steccato e divisione.

«Quel 9 novembre 1989 la gente, con in prima fila tanti giovani come voi, ha cambiato per sempre il volto della storia d’Europa e del Mondo – ha dichiarato il Presidente Celani – è pertanto importante ricordare e approfondire quell’evento per essere cittadini consapevoli e protagonisti di domani».

Inoltre è stato proiettato il film “Good bye Lenin” di Wolfgang Becker seguito dall’intervento del professor Adolfo Morganti dell’Università di San Marino sul tema “Muri d’Europa, muri che cadono, muri che crescono”.

Successivamente ha avuto luogo la premiazione con targhe e attestati degli elaborati sul tema proposti da classi e allievi degli Istituti Superiori della provincia che hanno colto il valore sociale dell’avvenimento storico:

– 1 ° classificato è risultato il lavoro della classe V E del Liceo Scientifico “Orsini” di Ascoli Piceno;

– 2° classificato l’elaborato “Berlino. Diario di un viaggio” della II D del Liceo Classico “Leopardi” di San Benedetto;

– 3° classificato il video fotografico “Venti anni dalla caduta del muro” di Federica Mino della classe III A del Liceo Classico “Stabili” di Ascoli.

«Mi complimento per i lavori presentati – ha affermato l’assessore provinciale alla Cultura Antonini – tutti interessanti, accurati e ricchi di originalità, che aiutano a riflettere su una pagina tanto importante della nostra storia contemporanea e, attraverso questa, a riflettere sul più generale concetto di libertà della società e dell’individuo».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 657 volte, 1 oggi)