CHESSARI 5,5 Prende gol su due punizioni identiche (la prima forse viziata da un fuorigioco comunque non determinante. Poi nel secondo tempo si riscatta
OGLIARI 5,5 Un passo indietro rispetto a domenica scorsa. Non dà apporto al centrocampo
NICOLOSI 6 Nel primo tempo va in difficoltà quando la sua fascia viene presa d’assedio dagli avversari. Però non perde la bussola.
RULLI 6 Fatica a trovare il giusto passo per la gara, poi arretra quando Gentili entra al posto di Ogliari. Ingenuo nel finale, viene espulso assieme al massaggiatore della Jesina nel parapiglia a tempo scaduto.
PULCINI 6 Soffre forse per la prima volta gli aitanti attaccanti della Jesina. Nella ripresa, con la difesa a tre, si schiera a destra. Sa far innervosire gli avversari: Petitti viene espulso per un calcione dato proprio a lui.

MENGO 5 Pessima gara, la peggiore da quando è a San Benedetto. Effettua alcuni pericolosi disimpegni che soltanto l’imprecisione dei “leoncelli” jesini ha permesso di non trasformare in gol.
D’ANGELO 8 La prova della maturità per l’under che fino ad ora ha saputo farsi valere meglio degli altri. Nel primo tempo è l’unico che merita la sufficienza, nella ripresa si scatena e prima realizza l’1-2, poi serve a Cacciatore l’assist del pareggio. Spina parla di rinforzi: trovi un paio di giovani del suo valore e saremo a cavallo.

ORESTI 6,5 Non demorde un secondo: e dire che ad inizio campionato, assente per infortunio, veniva definito “oggetto misterioso”. Contrasta, imposta, e da ogni calcio d’angolo o palla da fermo riesce a ricavare pericolosi assist.
MENICHINI 6 Spreca ancora una volta a tu per tu con il portiere di casa nel primo tempo, ma poi nella ripresa, con il tridente, offre a D’Angelo la palla che varrà il gol.
CACCIATORE 7 Primo tempo da dimenticare, nella ripresa segna il gol del pari e poi sfiora la rete della vittoria che sarebbe stata clamorosa.
BIANCHI 5,5 in evidente regresso, gioca molti palloni senza mai incidere.
Gentili 6 Va a giocare al centro dell’attacco, con Menichini e Cacciatore larghi sulle fasce. Il suo movimento crea numerose occasioni per i compagni.
Giandomenico 6 Mancava dalla trasferta di Macerata, dopo di che la Samb ha iniziato a vincere. Ma dà un importante contributo alla rimonta. Per ora, però, sembra destinato alla panchina.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.465 volte, 1 oggi)