JESI – Ha pubblicamente ammesso che questa squadra ha bisogno di rinforzi. Nonostante una campagna acquisti sontuosi e senza risparmi (per la categoria), e nonostante il buon recupero dopo il difficile avvio (5 vittorie e 3 pareggi nelle ultime otto partite) la vetta non si avvicina più di tanto: l’Urbania è sempre a sette punti di distacco, e la prospettiva di essere primi entro la fine dell’anno, sbandierata a più riprese fino ad un paio di settimane fa, appare ora sempre possibile ma, contemporaneamente, sempre più difficile. Così il presidente della Samb Sergio Spina, a commento del sofferto pari di Jesi (2-2 dopo essere stati sotto 2-0), si lancia in una importante dichiarazione: «La squadra ha bisogno di qualche ritocco: il nostro obiettivo resta quello di arrivare primi. Abbiamo avuto una buona reazione nella ripresa e siamo anche andati vicino alla vittoria, ma abbiamo anche rischiato di perdere».
Riguardo i rinforzi che potrebbero arrivare, Spina non si sbilancia ma pensa che «ne servirebbero in un paio di reparti: ci incontreremo assieme e ne parleremo. Adesso dobbiamo cercare di vincere domenica prossima. Ad Urbino abbiamo sprecato due punti, mentre qui a Jesi si giocava in un campo difficile e il pareggio ci può stare, è una situazione diversa».
Il direttore sportivo Giulio Spadoni parla di una «gara difficile da raccontare, nella quale abbiamo preso due gol identici e ma in cui nella ripresa abbiamo dato una dimostrazione di carattere, elemento spesso contestato a questa squadra. Non dimentichiamo che questo non è un campo dove si vince con facilità, e avevamo, oltre che qualche infortunato, due giocatori scesi in campo con la febbre. Il campionato è lungo e duro, cerchiamo pian piano di recuperare la prima posizione, che è il nostro obiettivo».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.925 volte, 1 oggi)