ASCOLI PICENO – Si è tenuta sabato 31 ottobre la presentazione del movimento “Luoghi Comuni”, un movimento di trasformazione della realtà locale.

Luoghi Comuni” è uno spazio libero di discussione, aperto a tutti coloro che intendono svolgere un ruolo attivo nelle dinamiche di cambiamento socioeconomico, culturale e politico, accogliendo il patrimonio progettuale e il metodo partecipativo dal basso attuato da varie amministrazioni comunali e in particolare dall’amministrazione provinciale guidata da Massimo Rossi.

I principali obiettivi del movimento, sottolineati da Olimipia Gobbi, Presidente “pro tempore”, sono: costruire spazi per la ricerca e la realizzazione di progettualità innovative, sperimentare forme rinnovate di partecipazione democratica, sensibilizzare i cittadini sui temi della sostenibilità, della giustizia sociale, della gestione non privatistica del bene comune, proporre e realizzare azioni e progetti per dare risposte reali ai problemi del territorio e del mondo.

“Luoghi comuni” vuole dare risposte locali a problemi globali ed è laboratorio di buona politica, di autogoverno e di democrazia dal basso in stretto raccordo con quanto sta avvenendo in numerosi altri contesti locali, regionali e nazionali.

Infatti esso non si contrappone ai partiti tradizionali, anzi vuole essere un luogo comune di riflessione, ascolto reciproco, dialogo, approfondimento, proposta e progettazione anche di iniziative politiche. Intende aprire percorsi condivisi fra persone, con o senza tessera di partito, che abbiano intenzione di impegnarsi sui problemi concreti e di attivare relazioni autentiche per valorizzare le differenze e non chiudersi entro i recinti dalle appartenenze.

Il movimento ha individuato al proprio interno un piccolo nucleo di aderenti al quale vengono attribuite responsabilità organizzative: presidente Olimpia Gobbi (insegnante e già Assessore Provinciale), vicepresidente Pier Paolo Fanesi (impiegato), tesoriere Diana Piotti (impiegata presso una Università statunitense e imprenditrice). I soci fondatori, in coerenza con la filosofia del movimento, hanno storie individuali molto diverse alcune legate soltanto alle professioni, altre ad esperienze amministrative e politiche come Diana Piotti, tornata ad Ascoli per mettere a servizio dei cittadini la propria esperienza all’estero; come Antonio Canzian, ex assessore provinciale ed oggi consigliere comunale Pd ad Ascoli, che dichiara che il centrosinistra ed il Pd in particolar modo sono usciti lacerati dalle ultime esperienze politiche, aggiungendo inoltre che un’associazione come questa può essere in grado di ricucire tale ferita, con una unità di intenti e non di spartizioni o candidature; come Massimo Rossi, ex presidente della Provincia, che evidenzia come il movimento Luoghi Comuni sia uno spazio fondamentale del quale i partiti non potranno far altro che avvantaggiarsi.

Il movimento “Luoghi Comuni” organizza inoltre iniziative di animazione e di sensibilizzazione su tutto il territorio provinciale e regionale e incontri tematici di cui due già in calendario: uno sull’acqua come bene pubblico che si terrà a Foce di Montemonaco nella seconda metà di novembre e un altro sull’autogoverno che si svolgerà a San Benedetto del Tronto il 28 novembre 2009.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 719 volte, 1 oggi)