ROMA – Prendere tempo. Intanto. È la decisione del Governo che è orientato a chiedere una proroga di tre anni rispetto alla procedura di infrazione che l’Unione Europea potrebbe rendere attiva nei confronti dell’Italia, in virtù della “frattura” relativa all’applicazione dell’articolo 43 del Trattato di Maastricht, approfonditamente dibattuto sul sito itbitalia.it

Nell’incontro tenutosi con il Ministro dei Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto e le rappresentanze delle associazioni turistiche balneari tra cui ConfimpreseItalia Itb Italia, per il superamento della procedura di infrazione da parte della comunità Europea, il Governo Italiano chiederà una proroga di tre anni entro la quale poter attivare un tavolo di discussione aperto alle Regioni, Governo ed associazioni di categoria, al fine di ricercare nuove soluzioni ad una normativa e riorganizzazione del settore.

Il Ministro ha tenuto a precisare che solo così si può arrivare al recepimento a livello delle varie Regioni di nuove norme compatibili alle esigenze degli operatori con la nuova normativa Europea.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 768 volte, 1 oggi)