SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La notizia delle dieci domande poste dal Comitato contro la “cassa di colmata” lo coglie di sorpresa. Giovanni Gaspari appare però allo stesso tempo divertito dall’iniziativa e promette che, tempo qualche giorno, risponderà ai quesiti in questione.

Non basteranno tuttavia gli interrogativi di Nazzareno Torquati per annullare una decisione già presa e che il sindaco non intende assolutamente rimettere in discussione.

«In democrazia non può sempre vincere quello che rompe di più le scatole», sbotta il primo cittadino, tornato serio. «E’ stato riconosciuto il rispetto delle regole, il materiale depositato viene giudicato conforme alle norme vigenti, l’impianto ha resistito alle fortissime mareggiate dei giorni scorsi. E’ inutile discutere ancora, cos’altro bisogna dire in merito?».

La battaglia scatenatasi riguardo alla discussa opera del Molo nord non piace dunque al sindaco: «La considero una tipica campagna di destra, intenta ad alimentare paure e timori. Esiste il tentativo di far venire fuori gli istinti primordiali».

«Replicherò alle dieci osservazioni – conclude Gaspari – anche se non capisco a cosa serva, visto che per tutti questi mesi sono state offerte tutte le delucidazioni. Una cosa è comunque certa: risponderò esprimendo le mie idee e non quelle che gli altri vogliono che abbia».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.375 volte, 1 oggi)