ASCOLI PICENO – Un’altra ragazzina sarebbe stata coinvolta nelle violenze a sfondo sessuale da parte di Carlo Maria Santini. E avrebbe solo 14 anni. E’ quanto emerge all’indomani dell’operazione “Facebook”, l’indagine di Polizia che ha portato all’arresto di Santini e di Enrico Maria Mazzocchi, entrambi con l’accusa di aver abusato di una sedicenne dopo averla fatta ubriacare.

I due ragazzi indagati, nati nel 1990, compariranno giovedì davanti al gip, che non ha ritenuto di emettere una seconda ordinanza di custodia a carico di Santini per l’accusa di stupro della quattordicenne.

Anche il secondo episodio sarebbe avvenuto nell’appartamento del Santini, poche settimane fa già al centro di una indagine della Squadra Mobile su festini di giovanissimi conditi da alcol, sesso e droghe.
Già dal primo momento in cui sono state rese note le risultanze di indagine, il capo della Squadra Mobile di Ascoli Pierfrancesco Muriana aveva paventato che nell’appartamento potrebbero essere stati compiuti altri stupri di minorenni.

La Polizia, infatti, ha accertato una decina di contatti via Facebook fra Santini e delle ragazze, ma teme che le giovani adescate possano essere molte di più: in un’intercettazione telefonica si parla di quaranta ragazze portate nel famigerato appartamento.

Indagini approfondite sono tuttora in corso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.782 volte, 1 oggi)