MARTINSICURO – Un’area protetta da sempre esistita ma sconosciuta ad alcuni enti. Il caso della Zona di Protezione Speciale di Martinsicuro della cui esistenza ha dato conferma ufficiale il Ministero dell’Ambiente, ha tutto l’aspetto di una vicenda passata inosservata a causa di inefficienze burocratiche perpetratesi nel tempo.

Una prima considerazione la si può trarre dalla lettura dei carteggi avvenuti negli ultimi mesi tra il Presidente della Riserva Naturale della Sentina Pietro D’Angelo con le Regioni Abruzzo e Marche e con il Ministero dell’Ambiente. Perché che a Martinsicuro ci fosse un’area facente parte della Zps “Litorale di Porto D’Ascoli (La Sentina)” non era proprio sconosciuto a tutti, anzi. Sul database della Regione Marche, così come in quello del Ministero, nelle relative cartografie era indicata la zona che interessava la parte nord di Martinsicuro, ma non altrettanto invece risultava alla Regione Abruzzo e di conseguenza anche al Comune di Martinsicuro.

Per questo D’Angelo in una prima missiva del 17 marzo 2009 chiede alla Regione di effettuare le dovute verifiche, e a distanza di un a settimana scrive anche alla Regione Marche poiché ritiene «che per la soluzione definitiva della questione sia indispensabile un dialogo tra i due enti regionali».

La Regione Abruzzo risponde che la zona in questione non risulta a Martinsicuro, pertanto D’Angelo scrive nuovamente alla Regione Marche, sollecitando un chiarimento, e il 5 agosto al Ministero dell’Ambiente affinchè si pronunci in maniera definitiva. La Zps in questione infatti, non solo è registrata sulla cartografia del Ministero e in quella della Regine Marche, ma è indicata anche sul Portale Cartografico Nazionale, nella sezione Progetto Natura, curato dal Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, dove invece i confini della Zps coincidono con i dati in possesso di D’Angelo. D’altro canto però, il presidente della Riserva della Sentina  aggiunge che «il recente Dm n.157 del 16/6/2009 riguardante l’elenco ufficiale delle Zps, nell’elenco riferito alla regione Abruzzo non fa alcun riferimento alla zps in oggetto». Da qui la richiesta di un chiarimento definitivo, che il Ministero non ha tardato a far arrivare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.051 volte, 1 oggi)