SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nuova iniziativa in collaborazione tra il Comune di San Benedetto e il museo ittico “Augusto Capriotti”. «Tante sono le novità per valorizzare i musei della nostra città e promuovere la conoscenza della civiltà marinara» annuncia Margherita Sorge, assessore alla Cultura.

Sono già molti i laboratori attivati dal museo per le classi di scuola primaria e secondaria che restituiscono ai ragazzi le tradizioni marinare. I vari corsi promuovono attività artigianali, dalla creazione di anfore con il das, alla creazione di mosaici attraverso l’uso di tesserine e lezioni giocose nelle quali i bambini scoprono antichi lavori come il canapino, il funaio e la retara.

«Grazie all’impegno del Comune per promuovere le attività del museo anche in Abruzzo e in Umbria, il numero delle frequenze di visitatori è aumentato rispetto al 2008», sostiene Ileana Piunti, responsabile dei laboratori didattici, che con orgoglio presenta due nuovi percorsi didattici. Il primo, “L’anfora: un’impronta della vita romana” tende attraverso le anfore a far conoscere la vita quotidiana degli antichi romani con i loro usi e costumi. Secondo Alessandra Silvestri, co-responsabile del museo, «è un percorso contestualizzato al programma scolastico».

Il secondo, “Alla scoperta dell’ecosistema del mare”, è utile per approfondire delle tematiche scientifiche, «concetti di ecologie ed ecosistemi riguardanti l’ambiente marino», conclude la Silvestri.

per informazioni e prenotazioni (gruppi di almeno 10 persone) rivolgersi a:

Museo delle Anfore 0735.592177(mart/sab 09.00-13,00)

Museo Ittico 0735.588850 (mart/sab 09,00-13,00)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 347 volte, 1 oggi)