GROTTAMMARE – Continua il percorso partecipativo per la condivisione in merito alla riqualificazione del tratto di lungomare Tesino nord-via Ballestra. Come arredare quella zona è l’argomento della prossima assemblea pubblica in programma giovedì 15 ottobre, alle 21,30, nella sala consiliare.

Si cambia argomento, quindi. Le precedenti assemblee pubbliche, infatti, avevano concentrato l’attenzione  sull’aspetto della viabilità – pedonale, ciclabile e carrabile – valutandone la ridefinizione degli spazi, per risolvere  il problema della sicurezza ciclopedonale che, in particolare, distingue il viale negli ultimi 260 metri a nord.

Il risultato di quegli incontri è il risultato di una mediazione fra chi incoraggiava la chiusura di una corsia per ampliare e mettere in sicurezza la zona ciclopedonale – sacrificando un certo numero di parcheggi – e chi sosteneva il mantenimento dell’assetto attuale a doppia carreggiata – privilegiando gli spazi per il transito e la sosta delle auto.

In definitiva, la soluzione mediata vede per il tratto da via Ballestra fino a Casa Sbernini l’accorpamento delle due corsie nord-sud e sud-nord in un’unica carreggiata senza spartitraffico; questo comporterebbe lo spostamento di una ventina di palme per consentire la creazione di spazio sufficiente ad ospitare due corsie contigue a vantaggio della realizzazione di un tratto ciclabile e uno pedonale, ad est, sufficientemente ampi e confortevoli da percorrere (come da figura in alto).

Mentre per il per il tratto da Casa Sbernini al ponte Tesino la conferma dell’attuale assetto viario a doppia carreggiata, con il mantenimento dei parcheggi esistenti, e un intervento di ridefinizione degli spazi pedonali e ciclabili – con arredi e sistemazioni strutturali più consoni a queste funzioni – che sarà appunto l’oggetto dell’ assemblea di giovedì prossimo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 422 volte, 1 oggi)