SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I sambenedettesi si preparano a celebrare il proprio Patrono. Dal 10 al 13 ottobre, la città festeggerà San Benedetto Martire con molteplici appuntamenti di vario genere.

Sarà una ricorrenza religiosa e solenne, che vuole rinvigorire la tradizione popolare. Per il secondo anno viene celebrata il 13 ottobre, mentre fino agli anni passati si celebrava l’ultima domenica di maggio.

«Il compito dell’amministrazione comunale – ha spiegato il vice-sindaco Antimo Di Francesco – è quello di alimentare il processo culturale finalizzato alla valorizzazione delle nostre radici. Crediamo dunque che sia una buona occasione per ritrovare la nostra identità».

Tutti si augurano quindi una grande partecipazione popolare, considerando anche un cartellone ricco e di qualità.

Per le offerte gastronomiche, da segnalare al Paese Alto “Pane di oggi…sapore di una volta”, dove verranno presentati i prodotti dei panificatori artigiani piceni con una carrellata di pani tipici quali la “Cacciannanz”, le “Trecce di Giulietta” e il “Pane rustico”; la “Festa del cuoco” (sempre al Paese Alto) con menù che svarieranno dalla zuppa di legumi, al baccalà in umido, passando per gli spiedini e la frittura di pesce; ed il “Pane liquido 2009” dedicato alla birra presso l’ex piazza della verdura.

Sabato 10 sarà inoltre possibile assistere al percorso di immagini pittoriche tratte dal libro “Vele al vento” di Pino Rosetti (Auditorium Comunale, ore 10) e nel pomeriggio alla Parata delle rievocazioni storiche, con la sfilata (dalle ore 16) dei vari gruppi che partiranno dal Municipio per arrivare in piazza Bice Piacentini.

Non mancherà nemmeno l’intrattenimento: sempre sabato dalle 21.15 presso il Palazzetto “B.Speca”, la Pfm si esibirà in concerto. Il giorno successivo Angelo Carestia e Angela Speca presenteranno “Artisti per caso” (show di comici, barzellettieri e cantanti locali) che sarà poi seguito dallo spettacolo di Pino Campagna, noto volto di “Zelig”.

Lunedì 13 verrà infine consegnato il “Gran Pavese Rossoblù” (Auditorium, 10.30), a tutte quelle personalità locali che si sono contraddistinte in diversi settori nel corso dell’anno. Per il turismo sarà omaggiato lo scomparso Giuseppe Mazzocchi, per il sociale il premio andrà invece a Vittoria Quondamatteo, per lo sport ad Umberto Urbinati, per l’industria a Umberto Travaglini, per l’imprenditoria a Domenico Fazzini e per la cultura a Pietro Pompei.

Non va poi dimenticato il programma religioso, già avviato e diluito in tutta la settimana che prevederà martedì prossimo alle 18 la riconsegna, da parte del sindaco, della chiave della città al Santo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 982 volte, 1 oggi)