SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una donna anziana è rimasta vittima di una tragedia avvenuta nella sua abitazione, in via Ferri 20, nella zona nord di San Benedetto. A seguito di un incendio scoppiato nel suo appartamento la donna, Giuseppina Talamonti, nata a Montefiore il 1° giugno 1931, è stata trovata nel suo letto, morta per asfissia, nonostante l’intervento dei Vigili del Fuoco, la cui caserma si trova poco distante. Un lumino, tenuto innavvertitamente acceso, sarebbe all’origine del tutto. Ma la disgrazia assume aspetti più tristi in quanto sembra che la donna dormisse con le candele accese poiché, sola e indigente, tenesse le candele accese per illuminare la casa, non avendo disponibilità di pagare la corrente elettrica.
Messo troppo vicino al televisore posto vicino al letto, il lumino ha provocato la combustione della plastica che ha iniziato a produrre una vasta quantità di fumi tossici inalati sia dalla vittima che dal suo cagnolino che si trovava a bordo del letto, deceduto anche lui.

Mentre il fuoco iniziava a divampare l’appartamento si riempiva sempre più di fumo tanto da fuoriuscire dall’abitazione. Alcuni vicini hanno perciò telefonato ai Vigili del Fuoco i quali, penetrati all’interno con le maschere antigas hanno trovato la donna nel suo letto ormai priva di vita insieme al cane.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.767 volte, 1 oggi)