Da Riviera Oggi in edicola numero 793

GROTTAMMARE – Che una città sia piccola o grande, purtroppo, la periferia risulta essere quasi sempre un po’… differente dal centro. Questo accade ovunque: si urbanizza la zona, si insediano le nuove case, palazzine, se va bene negozi e a volte – a meno che non si tratti di quartieri altolocati – le zone esterne della città fanno qualche fatica ad avviarsi.

La situazione, già conosciuta da qualche mese, riguarda la nuova zona di stampo “nazionale” (le vie hanno tutti nomi di Stati) e nel particolare via Cile.

La segnalazione ci viene da un cittadino: «Vorrei – ci spiega – che l’amministrazione, che ha sicuramente lavorato bene, occupandosi di abbellire il mio paese con aiuole e giardini puntualmente curati, non si dimenticasse di questa zona».

Il problema, fortunatamente, non vede un degrado sociale (anche se spesso qualche chiacchiericcio lamenta la presenza di cinesi che sbucano da chissà dove), ma una condizione di marciapiedi avvinghiati dalle erbacce e strade un po’ rischiose per le buche dell’asfalto rovinato: «Alcuni mesi fa – continua il cittadino grottammatrese – sono andato in Comune perchè mio figlio era caduto nella buca che si è formata nella strada e mi avevano assicurato di provvedere, ma a tutt’oggi è rimasto tutto come vedete».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 495 volte, 1 oggi)