ASCOLI PICENO – Sono state segnalate delle persone che si presentano nelle abitazioni dichiarandosi addetti alla riscossione della tassa rifiuti.

L’amministrazione comunale invita la cittadinanza a diffidare di tali falsi esattori ricordando che la Tarsu è richiesta in pagamento solo dal Comune mediante spedizione di un invito (l’ultimo dei quali inviato nel mese di marzo per la tassa relativa all’anno 2009) che contiene allegati i bollettini di versamento in conto corrente postale intestato al Comune.
Se il versamento non avviene spontaneamente con tali bollettini, è notificata cartella esattoriale da pagare all’Equitalia sempre con bollettino di conto corrente e quindi mai in contanti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 353 volte, 1 oggi)