SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Lo avevano promesso, e l’hanno fatto. Sono i birbanti del Laboratorio Teatrale “Re Nudo”, che, dopo due giorni di preparazione, sabato 19 settembre si sono recati al centro di San Benedetto, attorno alle ore 18, per una “Ronda Anomala“, satiresca performance delle oramai celebri “ronde” di stampo leghista, legiferate di recente dal Parlamento Italiano con l’obiettivo di tutelare la sicurezza dei cittadini e il decoro degli spazi pubblici.
Legge che è ampiamente dibattuta anche in seno all’opinione pubblica, con aspre divisioni tra pro e contro. Un buon motivo per portarla, teatralmente finché si vuole, nel vivo della sonnacchiosa provincia marchigiana, luogo perennemente descritto come sicuro e tranquillo ma dove proprio la Lega Nord sta avendo una impennata di consensi.
«Una trentina di uomini e donne – si legge nel comunicato del Laboratorio Re Nudo – hanno percorso il tratto di strada che va dal Teatro dell’Olmo alla Piazza della Rotonda, palcoscenico involontario di una brillante e inaspettata azione teatrale: tutti vestiti di nero, cappello e occhiali scuri e l’inequivocabile scritta “ronda” sulla maglietta, hanno percorso più volte questo tratto di strada, mescolandosi tra la gente comune che stava tranquillamente passeggiando o visitando i negozi lungo il corso».
«L’inquietante passaggio della Ronda Anomala (impegnata a ripulire la città da presenze indebite) non è passata inosservata – continua la nota – provocando emozioni diversissime da persona a persona. Alcuni, con toni anche irruenti, si sono palesemente opposti a questa presenza. Altri, scambiandola addirittura per una vera ronda, hanno applaudito all’iniziativa e si sono personalmente congratulati con i suoi componenti. Alcuni sono immediatamente scoppiati a ridere, cogliendo l’intento satirico dell’iniziativa. Altri ancora si sono bloccati ai margini della strada, fissando tra il sorpreso e l’allibito il ripetuto passeggio dei “rondisti”. Secondo un espediente inedito di satira sociale, la Ronda Anomala intendeva verificare l’applicazione della legge recentemente approvata dal Parlamento».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.587 volte, 1 oggi)