SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «E’ nostra intenzione aprire finalmente il parcheggio del Paese Alto e ampliare quello già esistente dietro all’hotel Calabresi». Parola di Giovanni Gaspari che, nel corso della consueta conferenza stampa del sabato, ha annunciato di voler metter mano alla problematica dei luoghi di sosta in città.

«Il compito di sdemanializzare Piazza Caduti del Mare spetta al comandante della Capitaneria di Porto Daniele Di Guardo, per il quale coltivo una stima illimitata. Il costo si aggirerebbe sui 200 mila euro e nel caso riuscissimo a portare a termine l’operazione potremmo realizzare una struttura più estesa per ospitare dei posti auto. Inoltre, credo sia arrivato il momento di sbloccare una volta per tutte la controversia del parcheggio sotterraneo alla scuola elementare del Paese Alto, per poter finalmente rendere fruibile quella struttura».

Già nei giorni scorsi infatti, in particolare nel dibattito pubblico durante la festa cittadina di Sinistra e Libertà, Gaspari aveva reso noto che la segretaria comunale Serafina Camastra sta studiando gli atti degli accordi con i costruttori della scuola e del parcheggio sotterraneo. «Sono ottimista – disse Gaspari domenica scorsa – spero che per fine anno la questione possa essere discussa dal Consiglio comunale, che sarà chiamato a decidere se il Comune deve acquistare il parcheggio o meno».
Una grana, quella di nuovi parcheggi, che si manifesta in vista della perdita di altrettanti spazi – causa lavori di riqualificazione e abbellimento – in Via Olindo Pasqualetti e Via Risorgimento. «Tenete conto – ha aggiunto il sindaco – che ne abbiamo già “aboliti” 39 con il rifacimento di Piazza Matteotti, 15 in Via Pizzi e 24 in Piazza della Verdura».

Gaspari ha infine reso nota la richiesta dei commercianti di Via Curzi di allargare l’area di passeggio: «Se li accontentassi – ha concluso il primo cittadino – perderemmo un ulteriore numero di parcheggi».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.294 volte, 1 oggi)