TERAMO – Firmate dal sostituto procuratore David Mancini le quattro richieste di rinvio a giudizio per i fratelli Tormenti e il manager Maurizio Di Biagio, accusati di associazione a delinquere finalizzata all’evasione fiscale e alla truffa aggravata ai danni dello Stato.

I Tormenti, arrestati lo scorso mese di giugno, titolari della Navigo.it ed ex proprietari della Sambenedettese Calcio, per la Procura avrebbero arrecato un danno all’erario per circa 80 milioni di euro, attraverso un giro falso di fatturazioni quantificato in circa 500 milioni.

Ora spetterà al Gup decidere se mandarli a processo o disporre il non luogo a procedere.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.726 volte, 1 oggi)