SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ancora il coro della Curva è lì, da quei gradoni che in qualche modo, immutati nel tempo, ne conservano l’eco di quei lontani giorni: «Moreno-Solfrini-eh-eh-oh-oh». Era il capitano di una squadra che cercava di ritrovare se stessa, dopo la doppia retrocessione dalla B alla C2 e prima di quel primo fallimento targato Venturato. Ma a lui queste cose non riguardavano.
Solfrini era un centrocampista possente, generoso e gentile. Lo ricordiamo anche qualche anno fa al Riviera delle Palme, ad osservare una partita di campionato, e anche allora il suo sorriso arrivava prima di tutto.
Anche Solfrini, come altri giocatori (basti ricordare Stefano Borgonovo, anche lui ex rossoblu) o Gianluca Signorini, ex capitano del Genoa più o meno coetaneo dei primi due (hanno tutti e tre giocato a cavallo tra fine anni Ottanta e inizio anni Novanta) è stato colpito dalla sclerosi laterale amiotrofica (nota anche come Sla), malattia degenerativa del sistema nervoso che colpisce con inspiegabile frequenza i calciatori.
Per questo motivo domani sera, 16 settembre alle ore 18,30, allo stadio Riviera delle Palme (il “suo” stadio), si svolgerà un’amichevole tra Samb e Rimini (Solfrini è romagnolo), con l’incasso che sarà devoluto a favore del vecchio capitano rossoblu.
Il costo del biglietto d’ingresso allo stadio sarà di euro 5 per le curve e di euro 10 per la tribuna laterale e tribuna centrale.
L’U.S. Sambenedettese ringrazia la dirigenza riminese, il ds Zamagna e il mister Melotti (ex calciatore rossoblù) per la sensibilità dimostrata nell’accogliere l’invito a partecipare ad una così nobile iniziativa.
Chi vorrà contribuire alla causa senza assistere alla partita potrà effettuare un bonifico sul C/C CC740080473 intestato a U.S. Sambenedettese srl c/o Carichieti Ag. San Benedetto del Tronto, IBAN IT83K0605024400CC0740080473.
La gara sarà inoltre una occasione per rinverdire la consolidata amicizia tra le due tifoserie.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.021 volte, 1 oggi)