ASCOLI PICENO – Presentati i progetti della Provincia di Ascoli Piceno sul risparmio energetico. Nei giorni scorsi infatti si è tenuto a Pescara il covegno sul progetto Europeo “Self Energy” inserito nel programma di cooperazione trasfrontaliera “Ipa Adriatico” patrocinato dall’Unione Province Italiane.

Le idee sviluppate dalla Provincia di Ascoli in collaborazione con “Tecnomarche” sono state presentate dal Vice Presidente e Assessore alle Politiche Comunitarie Pasqualino Piunti.

«Ritengo ormai irrinunciabile e vantaggioso – ha dichiarato Piunti – il ricorso alle nuove tecnologie in particolar modo nel settore turistico e promozionale. In questa prospettiva, si inquadra il progetto pilota “Pensilina per bus Fotovoltaica” che prevede l’utilizzo di vetrate create con la tecnica del silicio amorfo: materiale duttile che oltre alla classica funzione di ombreggiamento può svolgere anche quella di messaggistica turistica grazie all’installazione di display alimentati con energia solare».

Spiega ancora il vice presidente: «Le pensiline potrebbero inoltre fungere da punti di ricarica dei dispositivi a batterie come ad esempio per le biciclette elettriche. Un incentivo in più pensato non solo nell’ottica della realizzazione di una rete di piste ciclabili funzionali alla riduzione delle Pm 10 ovvero le famigerate polveri sottili, dannosissime per l’organismo, ma anche indispensabile per migliorare il circuito delle piste ciclo-pedonali del Sud delle Marche e promuovere, nel contempo, la mobilità dolce del nostro territorio».

Ricordiamo che “Self energy” è un progetto di respiro internazionale che intende non solo favorire e promuovere le pratiche del risparmio energetico in un’ottica di scambio continuo di esperienze tra gli Stati membri, ma soprattutto realizzare piani locali pensati sull’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili sulla base di dati e consumi registrati nei settori economici-produttivi dei diversi Paesi.

La tavola rotonda ha visto la partecipazione di numerosi rappresentanti di Regioni e Province adriatiche (Brindisi, Lecce, Campobasso, Teramo, Chieti, L’Aquila, Pesaro, Ferrara, Pordenone e Ravenna) nonché degli Stati dell’area balcanica (Grecia, Albania, Croazia, Montenegro e Bosnia- Erzegovina).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 978 volte, 1 oggi)