ASCOLI PICENO – I lavoratori della Manuli Rubber invocano l’azione diretta del Governo e del premier Berlusconi sul loro caso, invitandoli a venire personalmente ad Ascoli per rendersi conto della situazione. E domenica manifesteranno allo stadio “Del Duca” prima della partita dell’Ascoli con il Mantova (si giocherà alle 12.30, novità del “calcio moderno”).

Lo dice all’Agi Andrea Quaglietti, responsabile provinciale del Sindacato dei Lavoratori e delegato Rsu della fabbrica che il gruppo milanese, attivo nella produzione di tubi in gomma ha deciso di chiudere, mandando a casa 375 persone.

«Abbiamo organizzato una protesta pacifica ma decisa nel piazzale dello stadio – spiega Quaglietti – sia per tenere alta l’attenzione sulla nostra vicenda e sul destino di altre centinaia di operai che rischiano di perdere il posto nelle aziende dell’indotto locale. E sia per mandare un messaggio diretto al Governo, anzi al Capo del Governo. Su un cartellone che innalzeremo allo stadio infatti ci sarà scritto: “I lavoratori Manuli chiamano Berlusconi”. Chiediamo che Berlusconi si occupi direttamente della vicenda, e venga ad Ascoli per vedere con i suoi occhi la situazione occupazionale nel Piceno».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 596 volte, 1 oggi)