SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ecco qua: la Samb sta per iniziare l’avventura nel campionato di Eccellenza Marche 2009-10. Per la seconda volta, dopo l’esperienza del 1995-96, sempre al seguito della radiazione della squadra dai campionati professionistici. Un altra pugnalata durissima alla passione della tifoseria che però, stavolta, sembra rispondere con un maggiore entusiasmo rispetto al collasso di allora: già sottoscritti oltre 650 abbonamenti, già venduti per la prima trasferta, a Montegranaro, oltre 230 biglietti (ma si possono acquistare anche al botteghino).
La formazione messa a disposizione dal presidente Spina, attraverso il diesse Spadoni, a mister Minuti (inizialmente, tranne le defezioni di Pazzi e Iacoponi, destinata alla Serie D, con l’obiettivo dichiarato di vincere il campionato), è la favorita numero uno del girone, definibile comunque di ferro tenendo conto, quanto meno, della contemporanea presenza di Fermo, Pesaro e Jesi.
Il precampionato rossoblu è stato molto positivo, ma da domenica si fa sul serio. Le prime partite saranno decisive: sia perché mister Minuti deve scrollarsi di dosso l’etichetta di tecnico inesperto (oltre che qualche critica meno concreta), sia perché è prevedibile che l’ambiente rossoblu, se non riuscirà subito a vedere la squadra prima in classifica, rischia di diventare troppo pesante per giocatori che, tranne poche eccezioni (Palladini e Ogliari) non sono per niente abituati alla pressione di una piazza calda come quella sambenedettese.
Da mettere in conto, dunque, che in un campionato tanto lungo qualche passo falso può essere compiuto. Non troppi, però, perché questo è un campionato che San Benedetto, purtroppo, non si può permettere di non vincere.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.668 volte, 1 oggi)