SAN BENEDETTO DEL TRONTO – C’è crisi, ed è anche grande, ma nel panorama imprenditoriale piceno accade di vedere anche segnali di speranza e dinamismo che meritano di essere resi noti.

Il 4 settembre, presso la sede della Sassomeccanica S.r.l, specializzata nella lavorazione dei marmi, il presidente Tommaso Caroselli Leali con i membri del vertice aziendale, Mario e Francesca Caroselli, Giuseppe Capriotti, Enzo Tossici e Stefano Nobili, ha presentato le due nuove macchine che verranno esposte alla Fiera Marmomacc di Verona, mostra internazionale di pietre, design e tecnologie.

La prima è specializzata nel taglio diagonale, molto sofisticata dal punto di vista elettronico. La seconda invece, è il progetto del quale sono in procinto di depositare il brevetto. Si tratta di un macchinario per il taglio verticale che con meccanismi complessi permette di risolvere con grande facilità i problemi che in passato questo tipo di movimento ha creato. È un modello molto piccolo che punta a un target artigianale che rappresenta il più diffuso nel mondo.

Con la presentazione di questo brevetto l’azienda compie un importante passo nell’attuale clima di crisi dimostrando un discreto coraggio. La decisione di depositare questo brevetto è sintomo di una forte volontà di reazione alla crisi poiché in passato l’idea è stata abbandonato più volte. Come spiega Tommaso Caroselli Leali: «Molti nostri progetti sono stati soggetti a imitazione e concorrenza sleale senza una reale possibilità di riscatto, poiché in Italia non c’è valida tutela giuridica sul deposito dei brevetti. I costi elevati e la lunghezza dell’azione rendono sconveniente e dannoso intraprendere questa strada».

La Sassomeccanica, che vanta trentacinque anni di carriera nel campo della lavorazione del marmo, in particolar modo nel taglio e lucidatura dei bordi, da quindici anni si è conquistata la fama di leader mondiale nel settore grazie alla creazione nel 1995 di macchinari caratterizzati da semplicità e quindi affidabilità, in un mercato che ne offriva di molto complicati, e da un design più funzionale e accattivante, rivestendo i vecchi modelli in metallo con vetroresina.

Grazie a questo risultato è presente nel mercato internazionale vantando una rete commerciale mondiale e diffondendo il proprio nome come garanzia di prodotto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.876 volte, 1 oggi)