ASCOLI PICENO – Lo stabilimento della Novico Medical Division, occupato per 36 ore da sei dipendenti per protesta contro la proprietà, è sicuro in quanto a potenziali rischi ambientali.

La Questura di Ascoli infatti ha smentito alcune voci circolate nella giornata di sabato sul fatto che la fabbrica non fosse in sicurezza per il mancato raffreddamento del cobalto nel settore sterilizzazione siringhe, il reparto dove si erano barricati i sei operai.

Confermato il fatto che è finito il gasolio che alimenta il generatore per raffreddare l’acqua che mantiene il cobalto alla giusta temperatura, ma le istituzioni attestano che non ci sono rischi. Lunedì verrà fatto il rifornimento presso l’azienda, che ricordiamo si trova in concordato preventivo. Intanto vigila anche il Comune di Ascoli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 657 volte, 1 oggi)