Sorteggi di Champion’s League dalle valutazioni differenti per le quattro italiane. A ridere, paradossalmente, è la Fiorentina che, partendo dalla terza fascia, ha beccato Lione e Debrecen. Da non considerare il Liverpool, teoricamente già agli ottavi: passandone due, i viola possono tranquillamente sognare una qualificazione.

Esulta a metà il Milan: per lo stesso discorso fatto pocanzi, non deve preoccupare la sfida col Real Madrid che, seppur da brividi, conterà relativamente. A mettere a rischio l’ultimo posto utile per la promozione al turno successivo potrebbero essere semmai il Marsiglia (temibile, soprattutto per i brutti ricordi che hanno invaso in queste ore la memoria dei tifosi rossoneri) e lo Zurigo (obiettivamente modesto e già battuto nella scorsa Coppa Uefa).

Capitolo Juve: il Bayern, ora come ora, non impensierisce più di tanto, ma ci si chiede se, col ritorno di Toni e Ribery, qualcosa in casa bavarese potrebbe mutare. Il Bordeaux, campione di Francia uscente, impressiona, ma l’anno scorso nel girone della Roma non fece faville. Per quanto concerne il Maccabi a disturbare è più che altro la trasferta in Israele.

Trasferte che intimoriscono infine pure l’Inter. Ucraina e Russia, in pieno inverno, non sono mete accoglienti. Strappare i 3 punti non sarà semplice. La qualificazione a braccetto col Barca non è quindi affatto scontata.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 550 volte, 1 oggi)