SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Presentato in Comune il ventiquattresimo meeting internazionale “Trofeo città di San Benedetto del Tronto” di pattinaggio su pista e strada. Oltre all’Assessore allo sport Eldo Fanini e al presidente del comitato organizzatore degli Europei di San Benedetto 2010 Giuseppe Ricci, erano presenti anche Mario Palanca e Romolo Bugari, presidente dei pattinatori sambenedettesi. Ricci ha esordito ricordando l’importante appuntamento del prossimo anno con gli europei di pattinaggio: «L’edizione di quest’anno – ha aggiunto Ricci – è di fondamentale importanza per testare la pista di pattinaggio “Flavio Panfili”, per la quale sono stati da poco ultimati i lavori di riqualificazione secondo le norme sportive e igieniche. Gli iscritti per questa edizione sono già oltre trecento tra i quali, come accade ormai annualmente, figurano atleti internazionali, dal Cile all’Australia all’Egitto, tutti di notevole calibro».

L’Assessore Fanini ribadisce, dal canto suo, l’importanza di testare il nuovo impianto e specifica che il percorso su strada, nei pressi della chiesa della SS. Annunziata di Porto d’Ascoli, sarà leggermente variato rispetto agli altri anni. Prerogativa dell’amministrazione – conclude Fanini – è dar rilievo all’evento in sé, anche al fine di coinvolgere e far conoscere l’evento a cittadini e turisti.

La manifestazione si svolgerà il 28-29-30 Agosto prossimi; nei primi due giorni le gare si disputeranno presso la pista di pattinaggio “F. Panfili” mentre il terzo ed ultimo giorno, a partire dalle 15.30, ci sarà la prova sul circuito stradale.

«Per un paio d’ore – interviene brevemente il funzionario del Comune Mario Palanca – il traffico sarà interrotto a causa della gara su strada. Speriamo vivamente che la popolazione circostante alle zone in cui si svolge la gara sia coinvolta dall’interesse per tale evento».

«Proprio a fronte dell’interesse di partecipanti e spettatori – aggiunge Romolo Bugari – stiamo cercando ogni anno di migliorarci e di offrire un pacchetto di opportunità sempre più completo che vada ben oltre la gara in sé».

In ultima istanza Giuseppe Ricci vuole rivolgere un appello: poiché la pista di pattinaggio richiede notevoli spese di manutenzione, qualsiasi attività che voglia pubblicizzare il proprio nome all’interno della struttura e diventarne sponsor contatti i responsabili del circuito.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.600 volte, 1 oggi)