CASTEL DI LAMA – Tre generazioni a confronto, tre modi di raccontare l’arte delle donne. È la mostra “Tre generazioni d’artista” che si inaugurerà mercoledì 2 settembre alle 18 a Castel di Lama.

Le opere sono di Giulia Panichi (classe 1857), Giulia Panichi Pignatelli (1943) e Stefania Pignatelli (1976), tutte facenti parte della stessa famiglia. I loro lavori portano i segni di una nuova sensibilità, la presa di coscienza di sé, delle propria storia familiare e personale, che le ha portate ad essere vettori del presente, evidenziando una predilezione per i materiali forti ma preziosi, gli oggetti, aspetti dell’arte che comunque sono simbolo del “viaggio” in tutte le direzioni: dal volto, alla memoria, agli archetipi, dal dinamismo dei percorsi segnici ai labirinti della luce.

La mostra si terrà nel Parco e Borgo Storico. Una curiosità: il parco è uno dei 97 Grandi Giardini Italiani realizzato tra il 1875 ed il 1890 dal grande botanico e paesaggista Ludwig Winter.

L’evento fa parte della mostra nazionale “Arte Moderna e Contemporanea nelle Dimore Storiche”, promossa dalla Associazione Dimore Storiche Italiane. Durante questo stesso periodo infatti 20 dimore storiche private in Italia aprono contemporaneamente al pubblico le loro collezioni ed esposizioni d’arte moderna e contemporanea.

Per quanto riguarda le Marche si apriranno, sabato 5 e domenica 6 settembre, oltre a Castel Di Lama, diverse sedi come Villa Spada Lavini di Montepolesco ad Ancona, Villa della Rovere, Cingoli in provincia di Macerata e il Palazzo Marini di Fermo.

Un modo nuovo diverso dunque per far vivere agli amanti di dimore ed opere d’arte, “tesori nascosti” al folto pubblico, un’esperienza innovativa per il territorio: il connubio tra il linguaggio del pressante ed innovativo dell’arte e la storicità del contesto che l’ospita.

La mostra di Castel Di Lama è visitabile dal mercoledì 2 a martedì 8 settembre, tutti i giorni dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19, l’ingresso è gratuito. Per informazioni 0736.812552, oppure www.seghettipanichi.it.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 560 volte, 1 oggi)