SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Per il 38° anno e dopo una stagione d’assenza, torna la Sagra Castoranese. L’evento, organizzato dalla Pro Loco con la collaborazione dell’amministrazione comunale, si svolgerà dal 21 al 23 agosto nel centro del paese.

L’occasione permetterà di valorizzare alcuni piatti tipici come le quaglie allo spiedo, la pecora alla callara, ma soprattutto i Taccù, pietanza povera e poco conosciuta, simbolo della tradizione contadina.

I cibi saranno abbinati a sei vini locali proposti da sei differenti cantine (“Mida” Montepulciano 2005, “Milia” Passerina 2008, “Zahir” Rosso Piceno 2008, “Irata” Pecorino 2008, “CoseCose” Rosato 2008 e “Mizar” Rosso Piceno 2008).

Durante la manifestazione non mancheranno comunque eventi culturali, seppur legati anch’essi al mondo della tradizione rurale e contadina di Castorano. Venerdì 21 si esibirà il gruppo folk “A Randerchitte”, già attivo sul territorio e composto da sei ragazzi. Il giorno seguente verrà invece proiettato alle ore 20 il documentario “La terra e la memoria” (a cura dell’Associazione Ermocolle che da tempo si impegna per la salvaguardia e tutela del paesaggio), che sarà seguito dallo spettacolo della “Compagnia del saltarello ascolano”.

Infine domenica, dalle 19.30, ci sarà la sfilata dei Castelli della Quintana e a seguire lo show della “Grande Tribù”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 617 volte, 1 oggi)