CASTIGNANO – La XX edizione di Templaria Festival si svolge all’insegna dell’eccellenza: oltre 200 artisti provenienti da tutta Italia, musicisti di fama internazionale, personaggi del grande schermo si sono dati appuntamento a Castignano tra il 16 e il 19 agosto, e il richiamo di pubblico non si è fatto attendere. Nella prima serata del Festival si sono registrati oltre 2500 ingressi. Protagonista indiscusso è stato Roberto Giacobbo, giornalista Rai, scrittore di successo, autore radiofonico e televisivo, conduttore di programmi Tv, che per un’ora ha affascinato il pubblico trasportandolo in un viaggio immaginario a ritroso nel tempo, rievocando luoghi e chiese legate all’Ordine del Tempio, supportato da filmati girati dalla equipe di Voyager, nota trasmissione di Rai 2.

«E’ probabile che i Templari, al ritorno da Gerusalemme – ha dichiarato Giacobbo – si siano fermati sulle coste del Medio-Adriatico: ne è testimonianza la casa di Maria, a Loreto, o, ancora, alcuni indizi reperiti in una chiesa dell’Aquila. La stessa Castignano era usata come presidiato templare in difesa dei pellegrini che si spostavano verso la Terra Santa». Al termine dello spettacolo, la promessa «tornerò anche il prossimo anno». Il pubblico ha salutato il conduttore con un’ovazione.

La lezione di Giacobbo sarà riproposta nelle prossime serate del Festival attraverso un complesso sistema audio-visivo che collega in diretta i punti strategici del paese.
Martedì 18 la colonna sonora della manifestazione sarà fornita da musicisti di valore, come il gruppo spagnolo Artefactum, di Siviglia, che oltre a proporre antiche musicalità con lo strumentario dell’epoca medievale, allieteranno gli spettatori con la spiegazione degli strumenti da essi realizzati. Numerose le compagnie teatrali: Alchymia, gruppo di chimici proveniente da Udine, sorprenderà il pubblico con veri esperimenti chimici dei frati alchimisti, Santo Sammartino, da Viterbo, narrerà con monologhi altisonanti fiabe tramandate dalla più rigorosa tradizione medievale, e ancora Virgola, il giullare di corte, stuzzicherà il pubblico spostandosi da un castello all’altro in cerca di cibo, insieme ai Giullari del Diavolo e al Bagatto, Ludi Scenici, che immergeranno il visitatore nei lazzi e scherzi del mondo medievale popolare. Gli Angeli d’Oriente proporranno invece la caratteristica danza del ventre, così come gli altri quadri danzanti a cura de Il Calice e la Spada.
Ampio spazio verrà dedicato alla ricostruzione di ambienti medievali, grazie alla partecipazione di Mansio Templi Parmensis, con una mostra e relativa didattica sulla storia dell’Ordine o sulle varie tipologie di armi utilizzate in un accampamento templare; Gens Euganea, gruppo padovano, proporrà spaccati di vita civile illustrando le arti e i mestieri medievali; mentre Tempus est Jucundum riprende scene di vita quotidiana medievale attraverso racconti tratti dal Decameron. L’Emporium Athestinum presenterà, infine, la vita dei mercanti con banchetti di oggetti vari e una gualchiera medievale per la fabbricazione della carta.
A partire dalla mezzanotte, sarà proposto lo spettacolo Ombre di vite passate in cerca dei corpi, con cui la compagnia OPLAS raggiunge i più alti livelli nella tecnica di danza sui trampoli che l’ha resa famosa in tutto il mondo, mentre mercoledì 19 la Compagnia teatrale Atmo, si esibirà con Onirica, in cui è protagonista la Passione, che da sempre governa l’istinto dell’essere umano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 527 volte, 1 oggi)