MONTEFIORE DELL’ASO – Dal 10 al 14 agosto Montefiore si immergerà nella magica atmosfera del festival “Sinfonie di cinema”, promosso dall‘Amministrazione Comunale e dall‘Amministrazione Provinciale.

“Suoni e sapori del cinema italiano”, il tema del 2009, si compone di cinque serate di proiezioni, concerti a tema, intrattenimenti e mostre. Il direttore artistico Pepi Morgia, quello musicale Federico Paci e lo scenografo Giancarlo Basili hanno ideato un Festival ormai affermato nel circuito nazionale degli eventi di media dimensione, che si avvicina con forza alla decina edizione in uno scenario incantevole come il centro storico di Montefiore, e in particolare il chiostro del Polo Museale di San Francesco, che ospita il centro di documentazione cinematografica di Giancarlo Basili.

(fra i documenti allegati troverai i file pdf con il programma completo delle proiezioni e notizie sulla mostra)

Il Festival nasce dal connubio fra cinema e musica e dal ricordo delle magiche melodie che accompagnavano dal vivo i primi film muti. Si parte lunedì 10 agosto alle 21:15 con la proiezione di “Sangue pazzo” di Marco Tullio Giordana, seguito da un incontro dibattito sul film assieme allo scenografo Giancarlo Basili e al compositore Franco Piersanti.
Novità di quest’anno è la giornata interamente dedicata ai ragazzi, quella di mercoledì 12 agosto, con uno stage pomeridiano sulla scenografia (il Comune di Montefiore del sindaco Achille Castelli e dell’assessore Giamaica Brilli crede molto nel valore didattico del cinema), animazioni, la proiezione di un corto realizzato grazie a un progetto scolastico.

Nelle fasi iniziali di ogni serata saranno proiettati cortometraggi di registi emergenti, e poi concerti e degustazioni. L’11 agosto alle 23:30 suoneranno i musicisti dell’Acustic Scarface Trio, con repertori di Ennio Morricone, Nino Rota, Nicola Piovani, Astor Piazzolla, standard dixieland e swing.

La mostra che sarà allestita nella sala Partino e che rimarrà aperta fino al 24 agosto (“Scatti dal mondo dei sogni”) è una personale del noto fotografo di scena Umberto Montiroli, uno dei più apprezzati del cinema italiano, che da “Padre padrone” in poi ha lavorato in tutti i film dei Fratelli Taviani, poi con il Moretti de “La stanza del figlio”, con il Lynch di “Velluto Blu”, recentemente ne “Il commissario De Luca” di Antonio Frazzi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 826 volte, 1 oggi)