CUPRA MARITTIMA – Riceviamo e pubblichiamo da Danilo Marcozzi, titolare dello chalet Gabry, una lettera in risposta alla segnalazione della titolare del campeggio Verde Cupra, Meri De Carolis, circa l’inesistenza di strutture balneari per disabili.

«Sono titolare dello Stabilimento balneare Chalet Gabry. Siamo attrezzati per la ricezione delle persone diversamente abili in quanto da tempo in regola con le prescritte normative (Legge numero 13/89, e disposizioni parte II, capo III, Decreto del Presidente della Repubblica numero 380/01, Decreto del Presidente della Repubblica numero 503/96). Abbiamo da sempre ospitato colonie come l’associazione “Matteo Talbot”, Bologna, nostri clienti da più di vent’anni.

Pertanto vorrei dire alla signora Meri De Carolis che prima di sparare a zero ai propri colleghi operatori nel settore turistico, sarebbe il caso di documentare le proprie lagnanze e definire con cura se e quali siano stati i gestori che si siano rifiutati di ospitare i suoi clienti.

Dico questo perché, credo al pari dei miei colleghi, ho affrontato da sempre gli ingenti costi di ammodernamento che mi vengono sempre richiesti dalla legislazione tecnica, e siamo stati da sempre attivi nel settore della solidarietà e del sociale (ospitiamo colonie di bambini ogni anno da Comunanza, da Force e da altri paesi dell’interno).

Addirittura lo Chalet che rappresento è anche attrezzato per il ricovero dei cani e dei piccoli animali: ho anche, per adulti e piccini, una voliera con un pavone e tanti piccoli uccellini.

A chiunque dei suoi clienti che si senta rifiutato da altre strutture può indicare che il mio stabilimento si trova a Cupra Marittima in Via Adriatica Sud n° 6/A da circa 35 anni».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.404 volte, 1 oggi)