ANCONA – La Regione Marche destina oltre 23 milioni di euro per rinnovare i mezzi di trasporto pubblico urbano. Le risorse disponibili sono quelle dei fondi europei Fas 2007-2013. Beneficiarie dell’intervento saranno le Aziende pubbliche che gestiscono il servizio urbano nei comuni di Ancona, Pesaro, Urbino, Fano, Jesi, Osimo, Fabriano, Civitanova Marche, Macerata, Camerino, Tolentino, Fermo, Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto. La Regione garantirà con un contributo del 70 per cento del costo documentato, elevabile al 75 per cento nel caso di acquisti effettuati, con un’unica gara, da Aziende dello stesso bacino di trasporto.

L’agevolazione regionale servirà per sostituire i vecchi automezzi con oltre 15 anni di attività, che verranno rimpiazzati acquistando mezzi alimentati a metano o a rete elettrica (filobus). La priorità del rinnovo dovrà privilegiare la sostituzione degli automezzi in servizio da oltre 20 anni. «L’intervento – sottolinea l’assessore regionale ai Trasporti, Pietro Marcolini – punta a qualificare il servizio urbano attraverso automezzi meno inquinanti e più confortevoli. L’adeguamento del parco macchine migliorerà la qualità ambientale dei centri urbani e favorirà anche il maggiore utilizzo del trasporto pubblico, in quanto gli autoveicoli dovranno essere dotati di aria condizionata, di tabella luminosa interna con indicazione del percorso e di pedana per l’accesso delle persone a ridotta capacità motoria. Per i prossimi anni si sta valutando, compatibilmente con la normativa comunitaria, anche il finanziamento del trasporto pubblico extraurbano».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 745 volte, 1 oggi)