SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo una imponente Notte Bianca, la Polizia municipale rende noto il suo bilancio operativo: è stato mobilitato l’intero organico disponibile coordinato dal comandante Giuseppe Coccia. Complessivamente, 33 operatori sono stati in servizio nei diversi turni a partire dalle 8 del primo agosto fino alle 6 di domenica 2 agosto.

Oltre ai servizi di presidio per filtrare gli accessi dei veicoli al centro cittadino e alle pattuglie per il controllo delle norme del codice della strada, diversi agenti sono stati assegnati ai controlli per la repressione del commercio abusivo. Per questo compito ci si è avvalsi anche dell’ausilio del personale messo a disposizione della “Fifa Security” .

Il bilancio finale parla di 29 sequestri effettuati. La merce posta in vendita è stata prevedibilmente in gran parte diversa da quella normalmente proposta dai commercianti abusivi. Niente CD, quindi, ma generi di conforto adatti alla serata. E quindi, nelle mani della Polizia municipale sono finiti 200 bottiglie di birra, 300 di acqua, 50 lattine di bibite varie, oltre a 151 cappelli, 34 borsellini e altro materiale di vario tipo. Diversa anche la provenienza dei venditori abusivi: più che africani e nordafricani, le sonorità più diffuse nei dialoghi dei venditori abusivi erano marcatamente campane.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 893 volte, 1 oggi)