SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sabato primo agosto alle ore 19 di fronte alla Chiesa Sant’Egidio di Ripaberarda, diremmo quasi dentro ad un nido d’arte e di bellezza paesaggistica, ospiti della celebre Festa del Sacro Cuore, meglio conosciuta come XXI Sagra della birra, l’Accademia Pugilistica Kaflot di San Benedetto lancerà la sua orgogliosa sfida: coniugare sport e cuore.

Sul ring ci saranno giovani atleti e importanti campioni (l’ex campione del mondo Kalambay, il prossimo sfidante al titolo italiano Carel Sandon, l’ex campione professionisti dei medi Cannelli e l’ex pugile olimpionico Giantomassi) della boxe a celebrare con rinnovata energia la bellezza di uno sport che, proprio all’insegna del trofeo che sarà consegnato al miglior pugile, ha bisogno di un cuore pieno di gioia, vitalità e purezza. I giovani pugili dell’Accademia Kaflot (tra i quali i campioni regionali Tryzna, Gulamuso e Secchiaroli) si batteranno con ragazzi di altre scuole marchigiane: quella fanese, jesina e ascolana.

I vincitori saranno premiati dai bambini della scuola primaria di Ripaberda che hanno partecipato al Campus Spirit, organizzato nel mese di giugno dall’Accademia presso il convitto Unitalsi di Valle Orta.

I giovani “gangurini”, così sono chiamati i piccoli boxeur, consegneranno nelle mani dei vincitori i trofei da loro stessi realizzati, significando con ciò un ideale messaggio di laboriosità e di amicizia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.134 volte, 1 oggi)