GROTTAMMARE – Agosto alle porte, caldo, ferie, ma anche nuove proposte, idee, approcci per quanto riguarda la riqualificazione del tratto di lungomare fra il Tesino e via Ballestra hanno portato a rimandare ai primi di settembre le assemblee partecipate: «Abbiamo ritenuto di sospendere il percorso partecipativo – afferma il sindaco Merli in una nota stampa – per permettere agli uffici comunali lo studio di una nuova ipotesi di impianto che possa risolvere le criticità del tratto più a nord del viale oggetto dell’intervento». Nella prima riunione di ripresa verranno illustrati gli esiti dello studio di fattibilità della nuova soluzione prospettata da alcuni cittadini e operatori economici partecipanti alle riunioni, «soluzione – continua il sindaco – che ha già suscitato l’interesse e l’approvazione di alcuni membri della Giunta».

L’ipotesi è quella apparsa nei giorni scorsi anche sul nostro giornale,  ovvero la possibilità di utilizzare la corsia ovest a doppio senso di marcia, mantenendo due file di parcheggi in linea su entrambi i lati, allargando gli spazi pedonali e ciclabili all’area attualmente utilizzata per la corsia est.

«Al di là degli esiti a cui condurrà il percorso partecipativo  -conclude il sindaco Merli -, vorrei concludere facendo notare la valenza sociale e culturale  di questo tipo di approccio al bene pubblico. Le assemblee organizzate nei mesi scorsi hanno messo in evidenza un grande interesse dei cittadini per la propria città, innescando un processo decisamente propositivo, a volte anche particolarmente animato, che ha portato, ad oggi, al vaglio di ben 5 soluzioni, incrementando il bagaglio di conoscenze di tutti noi con punti di vista vari e variegati. Segno, questo, che la partecipazione alla vita politica della città va stimolata continuamente ed è dovere di noi amministratori proseguire su questa strada».
Un elemento sicuramente positivo per l’amministrazione comunale di Grottammare, d’esempio anche per alcuni comuni vicini che, invece, non sempre discutono così approfonditamente con la cittadinanza prima di arrivare ad una modifica importante per la città.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 371 volte, 1 oggi)