MARTINSICURO – Il centro affari “Il Grillo” tiene banco nell’amministrazione Di Salvatore, chiamata a sbrogliare una matassa ormai sempre più intricata e che rischia, se non trattata con le giuste cautele, di approdare nelle aule di tribunale per contenziosi legali che potrebbero portare il Comune  di Martinsicuro al tracollo finanziario.

«Comprendiamo le esigenze degli imprenditori che premono per l’apertura del centro il prima possibile – ha affermato il sindaco Di Salvatore – ma al momento il mio compito è quello di fare l’interesse del Comune e di tutelarlo da possibili ricorsi. Cercheremo di risolvere la situazione il prima possibile e proprio per questo ho chiesto la collaborazione di tutte le forze politiche». Prevista infatti per domani mercoledì 29 luglio una riunione dei capigruppo in cui si affronterà la questione del complesso commerciale direzionale situato sulla statale 16 al confine tra Villa Rosa e Alba Adriatica.

Pare che tra gli oggetti del contendere ci sia anche una delibera di Consiglio del 2003 che starebbe dando non poche preoccupazioni all’attuale amministrazione e che sarebbe al momento al vaglio dei legali dell’Ente.

Prima che il centro affari torni nuovamente in Consiglio comunale per l’approvazione almeno del collaudo parziale, la maggioranza Di Salvatore vuole affrancarsi dal rischio di possibili ricorsi da parte di terzi. E’ d’altra parte comprensibile come molti imprenditori siano sul piede di guerra per aver investito svariati milioni di euro su un complesso commerciale ormai pronto ma che ancora non apre i battenti. Un esempio tra tutti è il “Bam Bam Ristosauro”: inaugurato più di un mese fa, è stato poi subito chiuso per mancanza del collaudo. Ma il locale avrebbe già assunto il personale e attende solo il via per poter riaprire e iniziare a lavorare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.250 volte, 1 oggi)