SAN BENEDETTO DEL TRONTO – D’estate, quando il clima molto caldo, crea condizioni di disagio e malessere fisico o, ancor più, quando al caldo e all’afa si associa una percentuale di umidità elevata, che provoca ulteriore spossatezza e insofferenza, la scelta del cibo cambia rotta.

Se nel periodo invernale si va alla ricerca di piatti elaborati, ricchi e calorici, in estate con il solleone si prediligono piatti più semplici e freschi, come le “insalatone”ed i “piatti freddi”.

E spesso, la riduzione dell’appetito, porta a mangiare qualcosa di veloce, ma forse poco adatta alla circostanza. Le raccomandazioni basilari di medici e nutrizionisti, non possono, quindi, che essere di aiuto, per scegliere i cibi giusti per difendersi meglio dal clima torrido.

Mai saltare i pasti, per far sì di avere sempre a disposizione energia e sali minerali a sufficienza, per integrare le perdite dovute al maggiore movimento e all’abbondante sudorazione.

Necessaria, quindi, un’integrazione di liquidi, anche per allontanare il rischio di disidratazione, soprattutto in bambini e anziani, che spesso non sentono lo stimolo della sete. L’acqua è la bevanda ideale (almeno un litro e mezzo), anche frizzante (solo ai pasti), se gradita; indicati anche tea leggeri, spremute di frutta e di verdura (carote, pomodori). Attenzione alle bevande zuccherate e moderazione nel consumo di succhi di frutta: non dissetano, sono ricchi di zuccheri e aumentano l’introito calorico.

Ottimi anche i cibi ricchi d’acqua: tutta la frutta e la verdura ne hanno un buon contenuto (80-90%). Dissetano e apportano elementi utili che non dovranno mancare per l’apporto di potassio e per le vitamine A e C, utili per preparare la pelle all’abbronzatura e per difenderla dall’aggressione dei radicali liberi.

Ai due pasti principali, ottimo un piatto unico, pasta o riso, condite con pesce, verdure, formaggio magro o semplicemente con pomodoro fresco e poco olio d’oliva, oppure pesce o carne magra con tanta verdura cruda o cotta di stagione.

Come spuntini frutta o yogurt e, perché no, in alternativa un gelato alla frutta.

Da evitare, invece, cibi troppo conditi, elaborati e piccanti, fritture, salumi in genere e formaggi stagionati, dolci contenenti panna e liquori (meglio i frullati freschi e i sorbetti).

Limitare anche i caffè ed evitare le bevande alcoliche, poiché aumentano la sudorazione e la sensazione di calore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 586 volte, 1 oggi)