RIPATRANSONE – Ancora una volta Ripatransone si conferma “piccola capitale della qualità turistico ricettiva e ambientale”. In barba alle dimenticanze promozionali che ha visto il Piceno tutto vittima di un “malinteso pubblicitario”, la Bandiera Arancione diviene simbolo di qualità e vessillo d’orgoglio per tutta l’area Picena.
L’assessore al turismo Graziano Franchi rammenta che l’assegnazione della bandiera è stata preceduta da controlli severi sulla base di requisiti molto difficili da raggiungere. Difatti, l’ammodernamento della cittadina sotto molteplici aspetti ha permesso la riqualificazione del settore urbanistico e ricettivo, valorizzando degli aspetti attrattivi e culturali, storici e ambientali dell’hinterland. Il tutto in una cornice che rispetta chiaramente la qualità naturalistica e il rispetto del territorio.
Felicità espressa anche da parte del sindaco Paolo D’Erasmo, che onorato e fiero di tale onorificenza, non dimentica che oltre all’ambiente e al turismo, la sua cittadina ha ricevuto riconoscimenti come “Città del vino e città dell’olio”. Titoli che completano la qualità del tessuto sociale ed economico del territorio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 535 volte, 1 oggi)