SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Giorni (ed ore) decisive per la Samb. Andiamo per ordine: è nata ufficialmente la U.S. Sambenedettese, società che chiederà l’affiliazione al campionato di Serie D. Sergio Spina è naturalmente tra i soci fondatori tra i quali figurano anche Adriano Maroni, Claudio Bartolomei, Gaetano Malavolta e Giuseppe Nobilioni, con Vincenzo Sciocchetti (nipote di Orlando Marconi) che si occuperà del settore giovanile grazie alla grande esperienza accumulata nella gestione della Mariner. Il gruppo è però aperto all’ingresso di altre forze imprenditoriali locali (anche attraverso il sistema delle sponsorizzazioni). Forse sarà il caso di entrare in contatto con la sottoscrizione popolare dei tifosi e muoversi per attivare delle sinergie.

In giornata, intanto, la Figc dovrebbe rendere noto il quantum economico che la nuova società dovrà sborsare per garantirsi, appunto, la Serie D. La cifra destinata al Fondo di Garanzia per i giocatori oscilla tra 300 e 400 mila euro.

Infine nella giornata di domani il sindaco Giovanni Gaspari si recherà di nuovo a Roma per incontrare il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Carlo Tavecchio, e perorare la causa dell’iscrizione della nuova società in Serie D, considerando che i passaggi richiesti sono stati compiuti.

A quel punto, probabilmente, si scioglierà anche il nodo dell’allenatore e della scelta di quei tasselli necessari per procedere alla costruzione di una squadra che possa ambire alla Seconda Divisione sin dal primo anno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.334 volte, 1 oggi)