SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E si venne al dunque. Il sindaco di San Benedetto Giovanni Gaspari si recherà nella giornata di domani, giovedì 16 luglio, alle ore 17, a Roma, dove incontrerà l’avvocato Gentile in rappresentanza della Figc al quale esporrà la situazione della Samb, cercando di ottenere almeno la Serie D dopo la cancellazione della società rossoblu tra i professionisti. Per farlo, sarà necessario avere una guida di imprenditori che garantiranno almeno parte dei debiti accumulati nei confronti dei giocatori. Si parla di almeno 300-400 mila euro. Naturalmente Sergio Spina, imprenditore edile cuprense, sarebbe in pole position per acquisire la squadra, forse supportato da altre imprenditori locali. Ma occorrerà aspettare la giornata di domani. Se Serie D non fosse, infatti, qualsiasi scenario potrebbe rivelarsi inesatto. Improbabile, inoltre, che i Tormenti iscrivano la vecchia società in Terza Categoria, perché in quel caso sarebbero costretti ad accollarsi il grosso del monte debitorio.

Intanto venerdì con un servizio realizzato dal sambenedettese Maurizio Compagnoni Sky si interesserà della vicenda che ha portato alla cancellazione del calcio a San Benedetto. Nel servizio si dovrebbe fare riferimento anche ad alcuni articoli pubblicati da Rivieraoggi.it, quali la pubblicazione del bilancio della Samb e l’iniziativa della sottoscrizione popolare Tifosi Pro Samb.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.608 volte, 1 oggi)