SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dal 24 al 27 giugno 2010, San Benedetto del Tronto ospiterà la manifestazione “Anghiò”, il Festival del pesce azzurro che prende il nome dal termine dialettale sambenedettese che tende ad indicare l’alice.

Un evento presentato circa un anno prima del suo effettivo svolgimento, «per dimostrare – hanno spiegato gli organizzatori – quanto teniamo all’iniziativa».

Oltre ovviamente alle alici, saranno protagonisti dell’iniziativa i tonni, gli sgombri, le ricciole, le sarde e tutte le altre varietà del pesce azzurro. Verrà inoltre offerta l’opportunità di imparare a cucinare il piatto in questione secondo le ricette tipiche locali, di degustare il pesce fuor d’acqua in abbinamento ai migliori vini della zona e di assaggiare il Menù Azzurro nei ristoranti del paese.

Per i turisti, in aggiunta, “Anghiò” proporrà “Marche a Vela”, viaggio in mare attraverso i porti principali della regione, con tappa finale proprio in Riviera.

«Intendiamo – ha affermato Stefano Greco – coinvolgere città, ristoratori, associazioni di categoria e di pesca, categorie che riteniamo fondamentali». Un concetto sottolineato anche dall’assessore alla Pesca Settimio Capriotti: «Con l’aiuto di tutti desidereremmo pubblicizzare l’utilizzo di questa tipologia di pesce, che non ha nulla da invidiare alle altre e che, dato da non sottovalutare, costa poco».

Alla presentazione, tenutasi presso il Mercato Ittico dinanzi al Porto, c’era pure Laura Ravaioli, volto di RaiSat Gambero Rosso, intenta ad offrire buoni consigli culinari: «Consumate e cucinate il pesce azzurro – ha dichiarato l’ospite d’onore – per far sì che venga valorizzato un prodotto del territorio. Credo infatti che le elaborazioni tradizionali vadano recuperate».

Appuntamento dunque fra dodici mesi. Nell’attesa però, martedì 14 luglio dalle 21 (Piazza Matteotti)  sarà possibile effettuare un’immersione nella squisitezza della pesca cittadina, con tanto di degustazioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 928 volte, 1 oggi)