ASCOLI PICENO – I Carabinieri del comando provinciale hanno arrestato un albanese di 28 anni, K.L., accusato di appartere alla stessa banda coinvolta nello scontro a fuoco in un posto di blocco avvenuto l’8 maggio scorso nei pressi di Sant’Angelo di Castignano. Nel tragico episodio, dopo che un’auto con a bordo attrezzi da scasso non si era fermata all’alt dei Carabinieri, rimase ucciso il 22 enne albanese Olsi Ferracaku. Gli altri occupanti del mezzo erano riusciti a scappare a piedi per le campagne vicine.
Il gruppo, secondo le forze dell’ordine, era specializzato in furti in ville nella zona. Quella notte i militari, allertati da un cittadino di Castignano, che aveva subito un tentativo di furto in casa, avevano tentato di bloccare la vettura dei malviventi ad un posto di blocco. Ne era scaturito un conflitto a fuoco in cui aveva perso la vita il giovane albanese residente a Porto d’Ascoli. Gli altri presunti complici erano riusciti a fuggire. Venerdì l’arresto di un presunto componente della banda.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.097 volte, 1 oggi)