SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo la serata dedicata alla tragica vicenda di Roberto Peci, venerdì 10 luglio il Premio Bizzarri propone un altro interessante appuntamento in piazza Matteotti, con inizio alle ore 21.30: sarà protagonista l’attore Carlo Delle Piane, al quale verrà conferito il Premio Bizzarri Anniversary 2009, nella ricorrenza dei 60 anni di carriera.
La serata sarà preceduta da un incontro di Delle Piane con gli allievi dell’Accademia del Documentario, alle ore 11.00 presso l’Auditorium comunale, con l’intervento di Sabina Negri e Dimitris Statiris, autori del documentario in concorso “La ballata di un uomo brutto”, interamente dedicato alla figura dell’attore teramano d’adozione ma di origini napoletane.
Il documentario verrà poi proiettato durante la serata di piazza Matteotti, seguito dal film di Pupi Avati Regalo di Natale, che lo consacrò definitivamente tra i grandi attori italiani con la vittoria della Coppa Volpi alla Mostra del Cinema di Venezia.
Carlo Delle Piane è nato a Santa Margherita di Atri (Teramo) il 2 febbraio 1936. I suoi 60 anni di carriera sono importanti anche per il loro significato all’interno della storia del cinema italiano: da “Garoffi”, personaggio del film Cuore (1948) di Vittorio De Sica e Duilio Coletti, al documentario “La ballata di un uomo brutto” (2009), Delle Piane ha attraversato gli schermi del cinema riempiendoli del suo volto, della sua voce nasale, dei suoi occhi tristi e penetranti. Uomo dalle tante vite cinematografiche, quasi scomparso a 40 anni, rinasce attraverso personaggi impossibili da dimenticare per la loro sottile connotazione psicologica, per l’eleganza con cui si pongono, per l’umanità (o disumanità) che li contraddistinguono.
Chi lo riscopre e lo rivalorizza è Pupi Avati: l’accoppiata Gita scolastica (1983) e Festa di laurea (1985) regala autentiche perle di recitazione; il professore timido e solitario si imprime negli occhi e nel cuore degli spettatori. Regalo di Natale (1986) è la sua consacrazione, con il traguardo fino a pochi anni prima impensato della Coppa Volpi. Il Premio Anniversary 2009 è davvero meritato, per tutte le emozioni regalate agli spettatori nei 60 anni di carriera.
Venerdì 10 sarà anche l’ultima giornata della sessione estiva dell’Accademia del Documentario “Libero Bizzarri”, con la lezione sul tema “Doc e fiction: collegamenti, interazioni, contaminazioni” alle ore 10.00 e la già ricordata “Conversazione con Carlo Delle Piane: il mestiere dell’attore” alle ore 11.00, sempre presso l’Auditorium comunale; entrambe le lezioni sono tenute da Piergiorgio Gay e Carlo Delle Piane. Si chiude così un percorso che ha visto la partecipazione di allievi da tutta Italia, i quali faranno parte della Giuria che assegnerà, sabato 11, i riconoscimenti ai documentari in gara: miglior documentario, migliore narrazione, migliore fotografia, miglior montaggio, miglior suono, miglior commento sonoro originale, migliore produzione.
Proseguono, poi, le proiezioni presso l’Auditorium comunale dei documentari in concorso, ormai alla penultima giornata. Alle ore 16.00 “Ortona 1943. Un Natale di sangue” di Fabio Tondelli: la battaglia di Ortona fu tra le più sanguinose e misteriose della Seconda Guerra Mondiale in Italia, con combattimenti casa per casa. “Operai” di Pietro Balla e Monica Repetto, alle ore 17.00, parla della Fiat, la più grande fabbrica d’Europa in cui si mescolano fatica e sogni degli operai. Alle ore 18.00 è la volta di “Isola nuda” di Debora Inguglia, un documentario che ripercorre la vita della Catania del 1939, con l’arresto e le umilianti ispezioni corporali a un gruppo di 40 omosessuali, nel tentativo di definire l’omosessualità come patologia clinica. Per finire, “Diario di uno scuro” di Fluid Video Crew alle ore 19.00: una storia vera, con un ragazzo come tanti col sogno di una vita al massimo che si ritrova coinvolto in una corsa inarrestabile, che lo porta da giovane studente universitario a diventare un boss mafioso della Sacra Corona Unita, una mafia mai raccontata prima.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.868 volte, 1 oggi)