ASCOLI PICENO – Due tossicodipendenti pregiudicati, protagonisti del furto di due computer portatili e un cellulare, sono stati arrestati dagli uomini della Squadra Mobile e delle Volanti della Questura di Ascoli Piceno. Si tratta di C.A, 36enne di Villa Lempa (Te) e C.M. di 19 anni, residente a Massignano (Ap).

Nel pomeriggio di martedì i ladri, dopo aver rotto il finestrino di un’auto parcheggiata in una via del centro storico di Ascoli, si sono appropriati di due borse contenenti altrettanti pc, un telefonino e vari documenti di proprietà di due giovani universitari.

Qualche ora dopo, grazie alle descrizioni fornite al 113 da un testimone, i malviventi sono stati identificati e rintracciati. Quest’ultimi hanno immediatamente confessato, rendendo possibile il recupero della refurtiva, successivamente riconsegnata ai ragazzi, particolarmente felici per aver recuperato dei computer che, oltretutto, contenevano in memoria le uniche copie delle tesi di laurea che i due stavano preparando da tempo.

E’ probabile infine, che C.M e C.A. (al quale è stato emesso un foglio di via obbligatorio che gli impedirà di tornare nel capoluogo piceno per i prossimi tre anni) siano gli stessi autori di colpi simili, avvenuti in città negli ultimi giorni e sui quali si sta ancora indagando.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 687 volte, 1 oggi)