SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Una tranquilla salvezza». Pierpaolo Romandini fissa già l’obiettivo. Il ripescaggio in A2 ha caricato come una molla l’allenatore celeste. Che nel corso della festa promozione, tenutasi domenica sera allo chalet Oltremare di Porto d’Ascoli, ha promesso «un campionato senza sofferenze». Preparazione al via a settembre (data ancora da fissare), torneo ai nastri di partenza il mese successivo. E’ ancora presto, dunque, ma la Troiani & Ciarrocchi Monteprandone non si farà cogliere impreparata: «Perché pur non avendola ottenuta sul campo, la promozione è meritata. Quest’anno si è respirato un clima fantastico. Non poteva che finire così» ha sintetizzato il presidente Roberto Romandini.

Poi spazio ai ringraziamenti per squadra, dirigenti, amministrazione comunale (ancora il patron: «La realizzazione del parquet per il Colle Gioioso è stata la dimostrazione di quanto Monteprandone apprezzi questa disciplina»), allenatori, ragazzi del settore giovanile. L’applauso più sentito è stato per Daniele Iadarola, il figlio dell’ex coach celeste Pasquale (che ha partecipato alla festa), prematuramente scomparso: «La serie A2 la dedichiamo a lui, che ci guarda da lassù» ha sottolineato, commosso, il presidente Romandini. L’ultima ovazione per Wenzel, il terzino che l’anno passato ha vestito la maglia celeste e adesso è tornato in Uruguay. Dal suo Paese, Hermann ha ringraziato gli ex compagni: «Ragazzi, gioisco con voi».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.251 volte, 1 oggi)