SANBENEDETTO DEL TRONTO-  Con il ritorno della stagione estiva si rinnova sulla spiaggia il fenomeno della presenza in massa dei venditori ambulanti abusivi. E’ un fenomeno che ha sempre riscontrato reazioni contrastanti tra i turisti e i cittadini che passano del tempo in spiaggia. Ci sono quelli che lo reputano una vera e propria piaga oltre che una concorrenza sleale per i commercianti in regola, mentre altre persone sono più tolleranti e la giudicano una presenza non fastidiosa, un fatto naturale legato al periodo estivo e niente più.

Solo che negli ultimi tempi sembra che l’afflusso dei venditori abusivi extracomunitari abbia raggiunto una rilevanza davvero notevole, tanto che sempre più persone si rivolgono irritate ai Vigili Urbani dicendosi infastiditi dal modo insistente e a volte, riferiscono, persino aggressivo usato per vendere le proprie mercanzie. Spesso nonostante abbiano ricevuto un cortese rifiuto alla loro offerta di vendita, resterebbero nelle vicinanze degli ombrelloni continuando ad elencare la loro merce facendo, è il caso di dirlo, orecchie da mercante.

Un’altra anomalia legata a questo fenomeno sembra essere l’installazione di vere e proprie bancarelle abusive che vengono ogni volta fulmineamente fatte sparire ogni volta che i “piantoni” strategicamente piazzati si accorgono dell’arrivo dei Vigili Urbani. La Polizia Municipale sta impegnando tutte le sue forze per cercare di mitigare il fenomeno ma il personale a disposizione non consente di certo una copertura adeguata di tutta la fascia della Riviera lunga circa 4 chilometri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.445 volte, 1 oggi)