SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo anni di attesa, dopo che si sono verificati ben tre incidenti mortali, finalmente è stata riasfaltata la tangenziale parallela al Lungomare direzione nord che, partendo da via Mare, passa sotto allo svincolo della Ascoli-Mare, costeggia l’ingresso della alla piscina comunale e conduce al tornante per il Las Vegas e quindi di nuovo al litorale.

Il primo tratto va sotto al nome di via Scarlatti ed il secondo è conosciuto come via Sgambati. Ma c’è un piccolo particolare, all’apparenza insignificante ad influire sullo svolgimento del traffico, che continua imperterrito a costituire un pericolo molto grave per la circolazione. Ci riferiamo a quell’abbozzo di rotatoria che si trova proprio nel tornante nord che porta al Las Vegas e a ricongiungersi, volendo, a via Dei Mille.

In pratica si tratta di un pilone spartitraffico monco, dell’altezza di circa mezzo metro. E’ privo di qualsiasi segnalazione luminosa notturna, e i vari segni che presenta non sono che la dimostrazione di tutti quelli che ci hanno sbattuto contro. Alcuni mesi fa la pericolosità di questa “anomalia” ha avuto l’onore di andare in onda a livello nazionale in una trasmissione mattutina molto seguita dove qualche milione di telespettatori sono stati documentati del fatto.

Tutti tranne chi vi dovrebbe porre rimedio visto che è ancora lì, sbrecciato, senza illuminazione e, di notte, sono innumerevoli gli incidenti di varia natura che sembra continuino a verificarsi. Da precisare che non lontano dallo svincolo sono stati ridisegnati dei parcheggi, è stato persino inserito del verde, ma il pilone continua a restare un ben poco edificante “milite ignoto”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 662 volte, 1 oggi)