ATRI – Sono stati attimi di puro terrore quelli vissuti da una famiglia di Atri che ha visto il proprio bimbo di due anni portato via da un uomo palesemente ubriaco. Nowak Bogdan Wieslaw, polacco 34enne regolarmente domicilato ad Atri dove svolge il lavoro di muratore, verso le 23.30 di ieri, venerdì 26 giugno, si è introdotto nell’abitazione di G.D. che si trovava in casa con tutta la famiglia. L’uomo, fortemente ubriaco, ha cominciato a chiedere di bere alcolici. Le persone presenti in casa hanno cercato di farlo desistere e non lo hanno assecondato, dandogli da bere solo dell’acqua. Il polacco allora ha dato in escandescenza e prima di uscire di casa ha afferrato con un gesto repentino il bimbo di due anni, figlio del proprietario di casa. I familiari si sono messi a rincorrerlo per strada e dopo non poche resistenze sono riusciti a strappargli il piccolo dalle mani. Nowak si è poi dato alla fuga non senza prima aver danneggiato numerose auto lungo la strada, rompendo finestrini, lunotti e parabrezza.

Dopo aver superato lo shock iniziale, sono stati chiamati i Carabinieri di Atri, che in collaborazione con la stazione di Val Vomano e una pattuglia della Forestale dello Stato hanno perlustrato i territori circostanti e alla fine sono riusciti ad acciuffare il fuggiasco. Ora è rinchiuso nel carcere di Castrogno con l’accusa di violazione di domicilio, danneggiamenti aggravati e sequestro di persona.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 744 volte, 1 oggi)