GROTTAMMARE – «Questo è un evento storico per Grottammare». Esordisce Così Luigi Merli quando parla dei lavori di risanamento acustico che vedranno coinvolti a partire da settembre 2009 ben sette chilometri dell’autostrada A 14, nel territorio di Grottammare e Cupra.
Il primo cittadino si compiace per il lavoro portato avanti da anni al fine di arrivare alla presentazione del progetto per l’abbattimento dei rumori autostradali.
Il tratto interessato dall’analisi acustica è di 7 chilometri (dal chilometro 295,5 al chilometro 302,5). I lavori che prenderanno il via a settembre vedranno la sistemazione di barriere fonoassorbenti, la cui lunghezza sarà di 3768 metri (il totale per entrambe le carreggiate) a cui vanno aggiunti 60 metri in entrata e in uscita delle gallerie e la cui altezza varierà dai 2 ai 6 metri. I pannelli modulari, che verranno posizionati in 3,7 chilometri del territorio di Grottammare e in 2,5 chilometri di quello di Cupra, saranno di colore verde perché «altri colori sarebbero stati impattanti», ha precisato Merli.
L’intervento, che rientra all’interno della proprietà di Autostrade per l’Italia Spa, non comporta per il Comune di Grottammare alcun costo.
«È un progetto che va avanti da anni – ha spiegato il primo cittadino – già agli inizi del 2000 avevamo raggiunto un accordo con la Società Autostrade, dichiarandoci disposti a una compartecipazione di 275 mila euro. Purtroppo dopo un paio di anni è uscita fuori la terza corsia ed è andato tutto a monte».
«Il nostro interessamento non è mai passato – ha proseguito Merli – e quando qualche anno dopo la Società Autostrade e il Ministero dell’Ambiente hanno stipulato un accordo a riguardo, decidendo per un progetto a livello nazionale, la nostra determinazione ci ha premiati. Se infatti in questo accordo risultiamo, nell’ordine di 300 interventi, per un tratto di autostrada al sessantaquattresimo posto e per un altro tratto al centodecimo, la nostra tenacia ci ha fatti scegliere, insieme ad altri 5 o 6 comuni di Italia, per iniziare per primi i lavori».
«Il costo del lavoro – ha dichiarato il primo cittadino – stimato in 6 milioni e 800 mila euro (solo per Grottammare), non riguarderà più il Comune, grazie al recente accordo tra la Società Autostrade e il Ministero. I lavori dovrebbero durare sette o otto mesi. La barriera inoltre funzionerà, seppur in minima parte, anche sulle polveri sottili».
«La notizia non è trapelata prima – ha concluso il sindaco – perché non volevamo dir nulla senza averne la certezza».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.052 volte, 1 oggi)