SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Ce.Di.S.E.R. (Centro Diurno Socio Educativo Riabilitativo) “L’Arcobaleno” di via Machiavelli vede concludersi il progetto di ristrutturazione di ambienti e di nuovi arredi fortemente voluto dall’assessore alle Politiche della città solidale Loredana Emili in collaborazione con una multinazionale del mobile.
Il Comune fa sapere di aver ristrutturato e arredato tutti i locali del Centro, l’area delle attività comuni, la cucina, la mensa, il laboratorio informatico, una saletta autismo. Le pareti sono state ritinteggiate utilizzando colori vari tra cui il verde e l’azzurro che danno calore e luce ai locali e che simboleggiamo la gioia di vivere e la speranza di un futuro migliore. Lo scopo finale è stato quello di rendere più vivibili e accoglienti gli ambienti preposti a ospitare persone in condizioni di disagio e sofferenza.

Il Centro nasce come servizio territoriale integrato aperto alla comunità locale e si pone come obiettivo lo sviluppo dell’autonomia personale e la promozione del processo d’integrazione sociale di persone con disabilità grave che hanno terminato il percorso scolastico. Svolge un servizio non residenziale, ospita circa 30 ragazzi diversamente abili ed è gestito da una “associazione temporanea di cooperative sociali” (L’Oleandro, Filo d’Arianna e COOSS Marche). E’ anche inserito nel progetto regionale “Autismo nelle Marche”, nell’ambito del quale ospita 3 ragazzi con diagnosi di autismo.

All’inaugurazione di venerdì 18 giugno alle ore 11 partecipano il sindaco Gaspari e il vescovo della diocesi di San Benedetto del Tronto mons Gestori. Inoltre, alcuni genitori dei ragazzi ospiti della struttura faranno degli interventi di ringraziamento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 456 volte, 1 oggi)